Articoli e post del blog

Il contenuto è stato salvato.
Vai ai miei Preferiti
Accesso facilitato

Assicurati di poter sempre accedere ai tuoi contenuti preferiti collegando I miei Preferiti alla tua email.

Collega il mio indirizzo e-mail
Già collegato?

Se hai già collegato I miei contenuti alla tua e-mail, tutto quello che devi fare è verificare il tuo indirizzo e-mail.

Verifica il mio indirizzo e-mail
Pagina principale del blog / In Ospedale, L'intervento / La tua guida alla laringectomia totale

08 Febbraio 2022

La tua guida alla laringectomia totale

Questa guida ti aiuterà e ti guiderà ad affrontare l'intervento ed il recupero post-operatorio. Avere la giusta informazione prima dell'intervento chirurgico è la chiave per un miglior recupero.

Questa guida alla laringectomia totale è stata creata per informarti su cosa aspettarsi dopo l’intervento. 

Fai un passo alla volta.

Per alcune persone, il periodo post-operatorio può essere difficile. Cerca di ricordare che la maggior parte delle persone che hanno subito una laringectomia totale poi continuano a vivere una vita attiva normale.

Mentre leggi questa sezione, prendi carta e penna e scrivi tutte le domande che vuoi porre alla tua équipe medica. È lì per aiutarti e far sì che tu sia preparato per l’intervento, il che include rispondere a qualsiasi domanda da parte tua.

Informazioni sul tuo intervento chirurgico:

Il tuo medico ti ha detto che hai bisogno di una laringectomia totale. In ospedale, un chirurgo rimuoverà la tua laringe mediante un intervento chirurgico.

La tua laringe:

La tua laringe si trova sopra la trachea. È l’apertura delle vie aeree ed è essenziale per respirare, parlare e deglutire in sicurezza.

Imparare a respirare, parlare e deglutire dopo l’intervento chirurgico:

  • Respirazione: quando inspiri e usi il naso, la laringe si apre per permettere all’aria calda e umida di raggiungere i polmoni.
  • Deglutizione: quando mangi, mastichi e deglutisci, la tua laringe cambia posizione. In questo modo, le vie aeree sono chiuse per evitare che cibo e liquidi penetrino nei polmoni.
  • Fonazione: nella laringe hai due pliche di tessuto chiamati corde vocali. Quando parli o canti vibrano, ed è allora che si crea un suono.
Esistono App utili per esercizi vocali e di respirazione. Cercale in AppStore o Google Play.

Una grande équipe si prenderà cura di te:

In ospedale, incontrerai molte persone. Potrebbe sembrare opprimente e a volte potresti avere la sensazione di dover rispondere sempre alle stesse domande.

Sarai sottoposto a vari esami. L’équipe medica è lì per aiutarti: gli esperti che ne fanno parte hanno diversi ruoli per farti sentire a tuo agio e prepararti.

Leggi qui per le funzioni e ruoli

  • Chirurgo: è la persona che eseguirà l’intervento chirurgico
  • Anestesista: è la persona che ti farà addormentare per evitare che tu senta dolore durante e dopo l’intervento
  • Specialisti del linguaggio: mentre sei in ospedale, ti insegnano a parlare dopo l’intervento chirurgico

Glossario

Perché una laringectomia totale?

Una laringectomia è un intervento chirurgico salvavita in cui la laringe viene rimossa.

Imparare a respirare dopo una laringectomia:

L’intervento chirurgico influenzerà alcuni aspetti della tua vita. Il tuo corpo e i tuoi polmoni sanno come respirare ma dovrai imparare a farlo attraverso lo stoma nel collo. Sono disponibili anche strumenti utili che puoi utilizzare per aiutare la respirazione ed esercizi da fare.

Parlare dopo una laringectomia:

Troverai un altro modo per comunicare e parlare. In ospedale, un logopedista ti insegnerà a parlare dopo la laringectomia totale.

Recupero della voce:

Ci sono diverse soluzioni per tornare a parlare. Chiedi consiglio alla tua équipe medica su quale scelta sia migliore opzione per te.

Dopo l’intervento chirurgico:

La durata dell’intervento chirurgico dipende dalle circostanze personali. Il tuo chirurgo o infermiere ne parlerà con te. Ti sveglierai in sala rianimazione e poi sarai trasferito nella tua stanza in ospedale. In molti ospedali, in genere, si condivide la stanza con altre persone.

Durata della degenza ospedaliera:

La durata della degenza dipende dalla tua situazione e dall’intervento chirurgico, ma solitamente è di 2-3 settimane. In genere, potrai mangiare circa una settimana dopo l’intervento. Questo è il momento in cui gli specialisti ti insegneranno a parlare.

Avrai dei punti di sutura nel collo per circa due settimane che di solito vengono rimossi prima di dimetterti. Se vieni dimesso con i punti tornerai presso il tuo ospedale locale in una data successiva per farli rimuovere.

Dopo l’intervento chirurgico proverai un po’ di disagio. A tua disposizione c’è un’équipe medica che cercherà di farti sentire meglio. Si assicurerà che tu possa prenderti cura di te, in modo che tu ti senta sicuro quando torni a casa.

Prepararsi all’intervento chirurgico:

Prima dell’intervento, dovrai presentarti ad alcuni appuntamenti con il medico, l’infermiere e altri professionisti medici. Dovrai sottoporti anche ad alcuni esami.

Quando incontri l’équipe medica prima dell’intervento chirurgico:

  • Porta con te una lista completa di tutti i farmaci: con prescrizione, senza prescrizione, vitamine, minerali, integratori alimentari, creme, cerotti, ecc.
  • I risultati dei test che potresti aver eseguito in altri ospedali: test da sforzo cardiaco, ecocardiogramma, analisi del sangue, ecc.
  • Nome e numero di telefono del tuo medico di famiglia, del centro ospedaliero, di qualche familiare e/o amico che può essere contattato.

Se non ti è stato consigliato diversamente, puoi continuare a prendere i tuoi attuali farmaci fino al primo incontro preoperatorio con il tuo medico.

Dopo questo incontro, ti verrà consigliato quali farmaci/trattamenti puoi continuare e quali sospendere prima dell’intervento.

Durante l’incontro preoperatorio, potrebbe essere necessario sottoporsi ad alcuni test, come analisi del sangue, radiografie, elettrocardiogramma ECG e simili. La tua équipe medica saprà che tipi di esami servono per la tua situazione personale.

Se sei preoccupato per l’intervento parlane con il tuo infermiere e il tuo medico. L’infermiere potrebbe consigliarti di parlare con qualcuno e informerà anche l’équipe medica dell’ospedale.

Il giorno dell’intervento chirurgico:

Quando arriva il giorno dell’intervento chirurgico, cerca di rilassarti. Se sei preoccupato o ti senti nervoso, comunicalo all’équipe dell’ospedale.

Ricordati di togliere gioielli, orologi, apparecchi acustici, protesi dentarie, ecc.

Camminare fa bene prima e dopo l’intervento e durante il periodo di guarigione.

A volte un paziente si avvia verso la sala operatoria camminando assistito dagli infermieri oppure viene trasportato su un letto ospedaliero.

Entrando in sala operatoria, vedrai molte persone concentrate su diversi dispositivi, ma non temere: ricorda che sono lì per aiutarti e sono abituati a eseguire interventi chirurgici.

Durante l’intervento chirurgico:

Non sentirai né ricorderai nulla dell’intervento. Sarai completamente addormentato e respirerai tramite un tubo che viene inserito attraverso la bocca, fino alla trachea.

Potresti anche avere bisogno di un catetere per l’urina durante l’intervento.

Il tubo per la respirazione sarà rimosso una volta terminato l’intervento.

Dopo l’intervento chirurgico:

Sarai trasferito in sala rianimazione o in terapia intensiva, dove inizierai lentamente a svegliarti. Lì gli infermieri controlleranno la temperatura, il polso, la pressione sanguigna e i livelli di ossigeno. Ti chiederanno anche se senti dolore e, in tal caso, ti somministreranno degli antidolorifici.

Quando gli infermieri ritengono che sia il momento giusto, ti trasferiranno nella camera ospedaliera.

Nel reparto:

Gli infermieri ti mostreranno come chiedere aiuto, ti assisteranno quando ne hai bisogno e durante il recupero e la degenza ospedaliera. Verrai anche presentato agli altri che lavorano nell’ospedale.

Sollievo dal dolore:

L’infermiere e l’équipe medica ti chiederanno informazioni su quanto dolore provi e ti aiuteranno a controllarlo. Non dimenticare che se inizi ad avvertire disagio di qualsiasi genere, devi comunicarlo al tuo infermiere in modo che non peggiori.

In ospedale, il sollievo dal dolore può essere somministrato per via endovenosa o tramite una PEG (gastrostomia endoscopica percutanea) o un sondino naso-gastrico come indicato nella prossima sezione.

Riceverai assistenza per alleviare il dolore quando lascerai l’ospedale e tornerai a casa.

Tubi:

Potresti avere dei tubi collegati al corpo quando ti sveglierai. Potrebbe trattarsi di uno qualsiasi di quelli indicati di seguito:

  • Cannula per laringectomia: tubo posizionato nel tracheostoma per evitare che si chiuda.
  • Catetere urinario: per quanto riguarda le urine, l’équipe medica vorrà tenere traccia dei tuoi livelli giornalieri di urina.
  • Sondino nasogastrico (tubicino inserito nel naso): avrai un piccolo tubo nel naso che eroga cibo e farmaci nel tuo stomaco.
  • PEG: gastrostomia endoscopica percutanea

A seconda dell’intervento chirurgico a cui sarai sottoposto, potresti avere dei drenaggi chirurgici che fuoriescono dalla pelle per consentire la raccolta di qualsiasi liquido.

Comunicare dopo una laringectomia:

Mentre sono in ospedale, i pazienti sono istruiti da un logopedista su come iniziare a parlare. In alcuni casi, i pazienti iniziano a parlare con una protesi fonatoria il 7° giorno dopo una laringectomia totale.

In altri casi, i pazienti iniziano a parlare con un laringofono circa 5 giorni dopo la laringectomia.

Porta con te carta e penna. Molti conservano i loro appunti in una scatola una volta tornati a casa.

È possibile anche usare una lavagnetta con un pennarello cancellabile.

Camminare dopo l’intervento chirurgico:

Come indicato in precedenza in questa sezione, la tua équipe medica ti chiederà di camminare e muoverti il più possibile. All’inizio può essere stancante, un po’ doloroso e non sempre se ne ha voglia. Ma camminare per il reparto ridurrà il rischio di complicanze post-operatorie e semplificherà il tuo recupero.

Camminare è anche ottimo per il tuo stomaco. Il movimento di solito attiva l’intestino e può prevenire stitichezza e formazione di gas.

Mangiare dopo una laringectomia:

Dopo una laringectomia, non sarai in grado di mangiare o bere durante la prima fase di recupero: la bocca e il collo devono prima guarire.

Ottenere una buona deglutizione è fondamentale e la dieta orale è un obiettivo da raggiungere il prima possibile. I tubi servono proprio a questo.

Il cibo, le bevande e i farmaci saranno somministrati attraverso il tubo per il naso.

Prova a masticare anche se non hai niente in bocca: è un ottimo modo per allenare i muscoli e la memoria del corpo.

Deglutire dopo una laringectomia:

Quando sarai in grado di deglutire cibo liquido, il tuo tubicino nasale sarà rimossa.

Dopo qualche giorno, puoi passare lentamente al cibo morbido prima di iniziare con il cibo più duro (evita di provare a mangiare alimenti come biscotti e cracker all’inizio). Ricorda, non rischi di soffocare: potrebbe essere scomodo, ma non si soffoca.

La deglutizione avviene come prima dell’intervento anche se all’inizio potresti aver bisogno di aiuto. Usa la lingua per spingere il cibo verso l’esofago. Potrebbe anche essere necessario bere di più mentre si mangia.

Se sei stato sottoposto a radioterapia o chemioterapia il sondino nasale potrebbe restare in sede più a lungo. A volte, l’équipe medica potrebbe effettuare una radiografia prima di rimuovere il sondino.

Se hai domande, chiedi all’équipe medica. Scrivi le domande man mano che ti vengono in mente, così non le dimentichi e potrai porgliele alla prima occasione.

Prendersi cura dello stoma dopo una laringectomia:

Subito dopo l’intervento chirurgico sarà l’infermiere a prendersi cura del tuo stoma, ma ti verrà anche insegnato come prendertene cura da solo.

Presta attenzione alle istruzioni e fai pratica il più possibile: in ospedale riceverai supporto quando necessario, ma a casa dovrai prendertene cura in autonomia.

Nota: anche se si vive con un partner, è di grande importanza essere in grado di prendersi cura del proprio stoma da soli. Non si può contare completamente su un’altra persona dato che potrebbe non essere sempre presente. All’inizio potresti ricevere un po’ di assistenza supplementare a casa dopo aver lasciato l’ospedale. Dovresti comunque fare pratica e cercare di fare il più possibile da solo. Con il tempo, scoprirai che la cura del tuo stoma sarà davvero minima e richiederà poco tempo.

  • La pulizia è fondamentale: ti aiuterà a mantenere lo stoma libero da secrezioni e muco e permetterà al tuo stoma di far entrare aria fresca nei polmoni.
  • Laspirazione potrebbe essere necessaria (a discrezione dell’infermiere) In questo caso, ti verrà mostrato come usare la macchina per l’aspirazione e con quale frequenza dovrai utilizzarla.
  • Es posible que se necesite succión si su enfermera lo considera así, luego se le mostrará cómo usar la máquina de succión y con qué frecuencia.

Dopo un po’ diventerà un’operazione di routine che richiederà meno tempo.

HME: scambiatore di calore e umidità

Per permettere ai polmoni di funzionare nel miglior modo possibile, l’utilizzo di un HME è di grande importanza. Quando si respira attraverso il naso, l’aria che raggiunge i polmoni è calda e umida grazie alle funzioni del naso.

¿Qué es un HME?
HME – Intercambiador de calor y humedad

Al contrario, quando si respira attraverso lo stoma l’aria che raggiunge i polmoni è fredda e secca. “È come respirare con una caramella alla menta in bocca” ha detto un paziente laringectomizzato. L’aria fredda e secca influisce negativamente sui polmoni, perché può aumentare la produzione di muco ed inoltre respirare in questo modo blocca anche il lavoro delle cilia. Le cilia sono protuberanze presenti nelle vie aeree il cui compito è quello di spazzare via tutte le particelle che respiriamo. Queste particelle sono intercettate dal muco e vengono poi espulse con il muco stesso attraverso il naso o inghiottite.

Dopo l’intervento chirurgico, le particelle e il muco saranno espulsi attraverso lo stoma. Anziché soffiarti il naso dovrai portare il fazzoletto allo stoma.

Utilizzare un HME è come avere un naso per i polmoni e migliora la riabilitazione polmonare. Inoltre, utilizzare l’HME adatto a ogni occasione può migliorare la tua vita quotidiana.

La matrice spugnosa dell’HME renderà l’aria che respiri più calda e umida.

Utilizza un HME ogni giorno e notte. Riceverai degli HME in ospedale: assicurati di portare a casa con te gli HME di cui hai bisogno.

Cannula per laringectomia:

Potresti utilizzare un dispositivo morbido, noto come cannula per laringectomia, per evitare che il tuo stoma si riduca o per favorire la guarigione della ferita.

In ospedale, l’équipe medica ti mostrerà come usare il tubo e come pulirlo.

LaryTubes

Fare la doccia:

A causa dello stoma L’acqua è un rischio per le persone laringectomizzate. In ospedale, ti verrà mostrato come fare la doccia in modo sicuro.

Esiste un prodotto speciale che puoi usare quando fai la doccia.

Ricordati di portare a casa l’accessorio “Shower” quando ti dimettono dopo una laringectomia totale.

Rientro a casa:

Prima di tornare a casa, avrai un incontro con la tua équipe medica e discuterai di tutti gli aspetti dell’indipendenza a casa. Ti aiuterà anche a capire se avrai bisogno di assistenza supplementare.

Al momento della dimissione dall’ospedale, se hai bisogno di una macchina per l’aspirazione probabilmente l’ospedale te ne presterà una, poiché di solito ne avrai bisogno solo per un breve periodo.

Riceverai anche:

  • HME
  • Shower
  • Supporti adesivi
  • Prescrizione di farmaci antidolorifici, HME e cura dello stoma.

A casa:

Può essere un sollievo tornare a casa, ma in genere c’è anche un po’ di timore nel lasciare la sicurezza dell’équipe medica dell’ospedale.

Cerca di vivere una vita il più “normale” possibile. Fai passeggiate quotidiane e respira un po’ d’aria fresca anche se piove.

Trova il tuo “Effetto Lilly”.

Ordina un braccialetto con informazioni sanitarie e una scheda da tenere nel tuo portafoglio per informare gli operatori sanitari e tutti gli altri che hai uno stoma nel collo in caso di emergenza.

Dolore fisico e psicologico:

È difficile dire per quanto tempo si sentirà dolore, poiché varia da persona a persona. Riceverai degli antidolorifici, quindi non dovresti provare troppo dolore.

Ecco alcuni consigli per gestire il dolore a casa:

  • Assumi le tue medicine all’ora che ti è stata prescritta. Non aspettare, prendile regolarmente come prescritto dal tuo medico.
  • Chiama il tuo contatto/infermiere di riferimento se l’antidolorifico non ti dà sollievo.
  • Se il tuo medico non ti ha detto diversamente, evita di assumere alcol e di guidare se stai usando farmaci antidolorifici molto forti.
  • Man mano che il tempo passa e la guarigione progredisce, potrai ridurre la quantità di antidolorifico.
  • Non prendere dosi più alte di antidolorifici rispetto a quelle prescritte.
  • Prendi nota di quando prendere i farmaci e della quantità che assumi.
  • Alcuni farmaci antidolorifici possono causare stitichezza. Se si verificano effetti collaterali, contatta il medico.
  • L’attività fisica fa bene a tutti, quindi vai pure a fare una passeggiata.

La cirugía a la que se ha sometido puede afectarle a usted, sus sentimientos y partes de su vida.

Non sei solo. La tua équipe medica è pronta a risponderti via un’e-mail o al telefono. Se hai bisogno di parlare con qualcuno, l’équipe medica può aiutarti mettendoti in contatto con un assistente sociale.

Esistono anche gruppi di sostegno dove puoi incontrare altre persone nella tua stessa situazione.

Attività fisica:

Dopo l’intervento chirurgico, quando sarai di nuovo a casa, potrai tornare a fare la maggior parte delle cose/attività che facevi prima dell’intervento. L’attività fisica è particolarmente indicata perché è un ottimo modo per guadagnare forza e resistenza.

Camminare è un’attività eccellente: inizia lentamente e fai brevi passeggiate. Aumenta gradualmente il livello dell’attività fisica. Chiedi consiglio alla tua équipe medica prima di provare a praticare attività fisica più intensa. A seconda di ciò che ti ha consigliato il medico, non sollevare oggetti pesanti prima che siano trascorsi due o più mesi dall’intervento chirurgico.

Non sorprenderti se senti di fare qualche passo indietro. Non sei abituato a respirare attraverso uno stoma e può essere necessario un po’ di tempo prima di imparare a ottimizzare la tua respirazione.

Se stai ancora assumendo farmaci o antidolorifici potresti sentirti un po’ meno energico.

Sarà necessario evitare alcune attività come il nuoto, le saune e gli sport acquatici.

Quando si viene dimessi dall’ospedale e si torna a casa a volte si ha la sensazione che le cose non vadano come dovrebbero. Non preoccuparti, l’équipe medica è a tua disposizione pronta a sostenerti durante il recupero.

È importante informare l’équipe se senti di avere uno dei seguenti problemi:

  • Hai il respiro corto
  • Noti muco eccessivamente secco/tappi di muco che non riesci a rimuovere o aspirare
  • Senti dolore al petto
  • Hai una febbre superiore a 38,5 °C
  • Ti accorgi che stai producendo secrezioni dense e maleodoranti
  • Noti arrossamento e/o fastidio all’interno o intorno allo stoma o alla fistola
  • Senti che il tuo stoma e/o la fistola sono più caldi del solito
  • Noti segni o secrezioni cutanee eccessive vicino e intorno allo stoma, al collo e/o alle incisioni
  • Hai problemi a deglutire o ti è impossibile farlo
  • Hai difficoltà a parlare con la protesi
  1. Zuur JK, Muller SH, de Jongh FH, Van ZN, Hilgers FJ. The physiological rationale of heat and moisture exchangers in post-laryngectomy pulmonary rehabilitation: a review. Eur Arch Otorhinolaryngol. 2006;263(1):1-8.
  2. Mercke U. The influence of varying air humidity on mucociliary activity. Acta Otolaryngol. 1975;79(1-2):133-9.
  3. Mercke U, Toremalm NG. Air humidity and mucociliary activity. Ann Otol Rhinol Laryngol. 1976;85(1 Pt 1):32-7.
  4. Scheenstra RJ, Muller SH, Vincent A, Ackerstaff AH, Jacobi I, Hilgers FJ. Short-term endotracheal climate changes and clinical effects of a heat and moisture exchanger with an integrated electrostatic virus and bacterial filter developed for laryngectomized individuals. Acta Otolaryngol. 2010;130(6):739-46.
  5. Zuur JK, Muller SH, Vincent A, Sinaasappel M, de Jongh FH, Hilgers FJ. The influence of a heat and moisture exchanger on tracheal climate in a cold environment. Med Eng Phys. 2009;31(7):852-7.
  6. Hilgers FJM, Ackerstaff AH, Balm AJ, Gregor RT. A new heat and moisture exchanger with speech valve (Provox stomafilter). Clin Otolaryngol Allied Sci. 1996;21(5):414-8.
  7. Ackerstaff AH, Hilgers FJ, Balm AJ, Tan IB. Long-term compliance of laryngectomized patients with a specialized pulmonary rehabilitation device: Provox Stomafilter. Laryngoscope. 1998;108(2):257-60.

Ulteriore aiuto professionale e soluzioni mediche su Atos Medical

Visita Atos Medical